Siete in Home / ATTUALITÀ / InfoCELVA / Notizie in primo piano

Election day 2020, obblighi di comunicazione istituzionale

Categoria: Celva, Data: 21 luglio 2020

Si rammenta che:

  • visto il DPR del 17 luglio 2020, pubblicato sulla G.U. n. 180 del 18 luglio 2020, di indizione del referendum popolare confermativo recante: "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", i cui comizi sono convocati per i giorni di domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020;
  • preso atto della pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione autonoma Valle d'Aosta del Decreto del Presidente della Regione n. 45 del 21 luglio 2020, di convocazione dei comizi elettorali per il rinnovo del Consiglio regionale e dei Consigli comunali fissati per i giorni di domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020, con eventuale turno di ballottaggio per i comuni interessati nelle date di domenica 4 e lunedì 5 ottobre 2020,

sono in vigore le prescrizioni imposte alle pubbliche amministrazioni in materia di comunicazione istituzionale, nell’ambito più generale delle norme sulla “Par condicio”.

La materia è regolata dall’articolo 9, comma 1, della legge 22 febbraio 2000 n. 28: “Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”.

La definizione di comunicazione istituzionale è sancita dall’articolo 1, comma 1, punto 4) della legge 7 giugno 2000 n. 150 secondo cui riveste carattere di “attività di informazione e comunicazione istituzionale” anche la “comunicazione esterna rivolta ai cittadini, alle collettività e ad altri enti attraverso ogni modalità tecnica ed organizzativa”.

Si richiama a tal proposito che sul sito del Comitato regionale per le Comunicazioni (CORECOM) Valle d'Aosta è consultabile e scaricabile il manuale operativo sulla par condicio in periodo elettorale. 


Notizia 7 di 1903