Siete in Home / CELVA / Novità legislative / Anticorruzione e trasparenza / Attività 2013-2015 / Codice di comportamento

Codice di comportamento (attività 2014-2015)

L’articolo 69 della legge regionale n. 22/2010 dispone che “La Giunta regionale adotta, con propria deliberazione, su proposta del Comitato regionale per le politiche contrattuali e previo parere obbligatorio della Commissione indipendente di valutazione della performance, le eventuali integrazioni e specificazioni al Codice di comportamento adottato ai sensi dell'articolo 54 del d.lgs. 165/2001”.
In data 13 dicembre 2013, la Giunta regionale ha approvato il Codice di comportamento per i dipendenti degli enti locali della Valle d'Aosta.

Che cos'è il codice di comportamento

Il Codice di comportamento è lo strumento che definisce i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i dipendenti degli enti di cui all’articolo 1 comma 1 della legge regionale n. 22/2010 (tra i quali anche gli enti locali) sono tenuti ad osservare.

Il Codice disciplinare contiene l'indicazione delle tipologie di infrazioni commesse dai dipendenti e dirigenti regionali, e le correlate sanzioni disciplinari. Oltre alle infrazioni previste dalla contrattazione collettiva, altre condotte illecite e le conseguenti sanzioni sono contenute nel d.lgs. 165/2001 e sostituiscono le diverse disposizioni previste dai contratti collettivi.

Il corso di formazione online per i dipendenti degli enti locali

Per garantire la conoscenza dei contenuti del codice disciplinare a tutti i dipendenti degli enti locali, il CELVA ha pensato di offrire un corso di formazione online su una piattaforma appositamente creata per il personale degli enti.
Il corso può essere fruito autonomamente in qualsiasi momento via web, su qualsiasi supporto informatico tramite un’applicazione appositamente creata.
L'obiettivo è quello di illustrare i contenuti dei 17 articoli del Codice di comportamento e verificarne l’apprendimento attraverso dei brevi test di valutazione. Il corso è suddiviso in più moduli e può essere fruito in diversi momenti. Un’apposita segnalazione evidenzierà lo stato di avanzamento della fruizione del corso.
A conclusione del corso e a seguito di esito positivo del test di apprendimento, sarà rilasciato un attestato di partecipazione in formato PDF.

Indicazioni agli enti locali per l'adozione del codice

Gli enti locali, con deliberazioni dei rispettivi organi competenti, devono prendere atto della deliberazione della Giunta regionale, recepire il nuovo Codice di comportamento e pubblicarlo sul proprio sito web istituzionale nella sezione dedicata dell'Amministrazione trasparente.
Gli enti locali sono poi tenuti a fornire ampia diffusione al Codice di comportamento, ai sensi dell'articolo 17 dello stesso Codice.
L’articolo 69 della l.r. 22/2010 prevede poi che “sull'applicazione delle disposizioni del Codice vigilano i dirigenti responsabili di ciascuna struttura organizzata e l'ufficio per i procedimenti disciplinari” e che gli enti locali verifichino annualmente lo stato di applicazione del Codice. Sempre ai sensi della suddetta norma, gli enti locali sono tenuti ad organizzare attività di formazione del personale per la conoscenza e la corretta applicazione dello stesso.